You are currently viewing Ecco cos’è il Futuro Desiderato!

Ecco cos’è il Futuro Desiderato!

Nel Coaching l’azione del Coachee è sempre rivolta al Futuro “Desiderato” … ma cos’è?

Premessa

Il Coaching è un metodo finalizzato all’allenamento delle Potenzialità del Coachee al fine di raggiungere l’Obiettivo da lui prefissato nel “Futuro”: tale parola rappresenta un concetto fondamentale per tutta la metodologia in oggetto, in quanto il Coaching parte da una situazione Presente nella quale il Cliente manifesta una “Crisi di Autogoverno” (non riuscendo da solo a raggiungere quanto voluto) ad una situazione Futura da lui alquanto “Desiderata” …   

Significato di “Futuro Desiderato”

Il Modello “Grow Expanded” sul quale si fonda la metodologia del Coaching Moderno, analizza tre momenti temporali connessi alla “Storia” del Coachee:

  1. Presente “Percepito”: dal punto di vista del Cliente relativo alla situazione nella quale vive “qui” ed “ora”
  2. Passato “Problematico”: serve per ricostruire i Problemi che non consentono al Coachee di essere “autonomo”
  3. Futuro “Desiderato”: rappresenta la “Storia Futura” del Cliente e, tanto sarà forte la Motivazione del Coachee a raggiungere il suo Obiettivo, tanto più questi sarà disposto ad impegnarsi nel muoversi e nell’agire.

Quest’ultimo punto è più importante dei precedenti perché è “focale” per il raggiungimento dell’Obiettivo.

Come aiutare il Cliente a Visualizzare il suo Futuro Desiderato

Nell’articolo “Tecniche di Visualizzazione del Futuro Desiderato” abbiamo visto che queste si fondano sul Modello “V.A.K.O.G.”, ovvero dei Canali Percettivi (Visivo, Auditivo, Cinestetico, Olfattivo e Gustativo), che servono a rappresentare la realtà secondo le percezioni sensoriali più sviluppate, che sono diverse da cliente a cliente.

Il Coach, pertanto, una volta individuato il Canale Percettivo preferenziale del Coachee può aiutarlo a visualizzare il “Futuro Desiderato” ponendogli Domande “Aperte” che lo trasportano nel contesto in cui raggiungerà l’Obiettivo.

A titolo di esempio: “Come immagini di vederti quando avrai completato il Pellegrinaggio sulla Via Francigena?”   

Conclusioni

L’Essenza del Coaching si manifesta pertanto nel Movimento che consente al Coachee di passare da una condizione di “stallo” nel Presente ad una situazione “di azione” tramite la quale inizia ad utilizzare consapevolmente le sue Potenzialità più sviluppate (da me chiamate “Staminalità”) e che lo proietta mentalmente già nel Futuro, facendogli vivere ed assaporate tutte le sensazioni (le più piacevoli) collegate al raggiungimento del proprio Obiettivo.

Lascia un commento