Come Gestire le Emozioni in un Colloquio di Lavoro

Come Gestire le Emozioni in un Colloquio di Lavoro

Ecco alcuni Consigli per gestire la nostra Emotività ed il nostro Stato d’Animo

Introduzione

Chi di noi non ha mai provato un “senso di agitazione” quando si è trovato ad affrontare un Colloquio di Lavoro?  E’ naturale infatti provare Ansia ed altre Emozioni (ad esempio Paura od anche Tristezza) in tutti i momenti della nostra vita nei quali incontriamo un Ostacolo od una Prova (più o meno facile) da superare, in quanto tale stato d’animo è profondamente correlato al senso di incertezza che nutriamo nei confronti dell’esito del nostro esame.

Da dove nascono l’Ansia e le altre Emozioni Negative?

Schopenhauer era solito ripetere che “quasi la metà di tutte le nostre angosce e le nostre ansie derivano dalla nostra preoccupazione per l’opinione altrui” ed è proprio questo il “punto cruciale” (anche quando dobbiamo affrontare un Colloquio di Lavoro”): ci “preoccupiamo” (ovvero di “occupiamo prima”) del problema e non solo al momento in cui dobbiamo realmente affrontarlo e, ciò facendo, oltre a considerare con timore l’opinione delle altre persone, sottraiamo molte nostre “utili” energie emotive e cognitive che invece ci servirebbero per superare la nostra prova.      

Alcuni Consigli per Gestire il Nostro Stato d’Animo durante il Colloquio di Lavoro

Prima di sedersi davanti al Tavolo (reale o virtuale) della Commissione Esaminatrice sarebbe importante, a titolo di esempio, dedicare alcuni minuti a concentrarsi e a sgombrare la nostra mente da quei pensieri “nocivi” che non ci aiutano ad affrontare un Colloquio di Lavoro: partendo dalla Consapevolezza delle nostre Competenze ed Attitudini (ciò che conosciamo e ciò che sappiamo fare) cerchiamo di raccogliere le nostre idee per presentarsi al meglio e per rispondere con assertività (e sempre con sincerità) alle varie domande che ci vengono poste dai nostri Esaminatori.       

In particolare risulta, a tal proposito, particolarmente utile:

  1. Controllare la nostra Emotività: tenendo presente che un Colloquio di Lavoro può essere sempre per noi una Opportunità di Conoscenza Reciproca e non una occasione per essere giudicati da persone che non conosciamo.
  2. Ascoltare con Attenzione e Rispondere con Chiarezza: la capacità di saper ascoltare “bene” i nostri interlocutori è il presupposto per fornire loro risposte “chiare” e “pertinenti”, mostrando anche un “atteggiamento positivo”.
  3. Mostrare Disponibilità, Curiosità ed Interesse: cercando di comprendere bene ciò che ci stanno offrendo, non esitando a porre domande “utili” per chiarire eventuali dubbi, qualora i selezionatori ce lo consentissero.

Questi sono solo alcuni suggerimenti per affrontare con maggiore serenità un Colloquio di Lavoro, ma non bisogna mai scordare di “essere sempre se stessi” e, qualunque sia l’esito finale dell’esame (valutazione positiva o negativa), occorre avere la Consapevolezza di Chi siamo e di quelle che sono le nostre Competenze e le nostre Potenzialità.

Lascia un commento