You are currently viewing Le Potenzialità associate alla Temperanza

Le Potenzialità associate alla Temperanza

Conosciamo nel dettaglio le 3 Potenzialità riferite a questa Virtù Universale

La Virtù della Temperanza

Un animo grande disprezza la grandezza e preferisce la moderazione agli eccessi; quella è utile e vitale, questi, invece, nocciono, proprio perché sono superflui” … con queste parole il filosofo romano Seneca dipingeva questa  Virtù Universale che, fin dall’antichità, era considerata una fra le più importanti dell’animo umano.

Infatti Christopher Person e Martin Seligman definiscono la “Temperanza” (“Moderation”) come quella particolare facoltà di governare gli eccessi, grazie al ricorso a “meccanismi interni di autoregolazione”.

La parola Temperanza deriva dal verbo latino “Tempero” che significa “porre nella giusta misura”, “moderare”.

Nelle “Satire” il poeta romano Orazio riporta la locuzione “est modus in rebus” ossia “esiste una misura nelle cose” per rappresentare l’essenza della Temperanza: evitare comportamenti fuori controllo che, perdurando, possono diventare dannosi, in quanto le esagerazioni fanno perdere a poco a poco il controllo della propria vita alle persone.  

Da tale Virtù Universale discendono 3 importanti Potenzialità, ovvero attitudini naturali che ciascuno di noi possiede in misura più o meno diversa e che andremo a conoscere meglio nel paragrafo successivo. 

Le Potenzialità associate alla Virtù della Temperanza

  1. Autocontrollo: capacità di “tenere a freno” gli impulsi istintivi e di gestire le emozioni negative, tramite il ricorso ad “autoregolamentazione” (regolandosi in modo autonomo) e “autodisciplina” (dandosi delle regole).
  2. Prudenza, Discrezione, Cautela: intese come attitudini ad individuare e ponderare eventuali ostacoli che si frappongono all’operatività che consentono pertanto alle persone che le posseggono di agire con minor fretta.
  3. Umiltà e Modestia: connotati riferiti a coloro che non sentono la necessità di mettersi in mostra, né di far sfoggio alle loro abilità ma, al contrario, che tendono a riconoscere i propri limiti ed accettare la propria condizione.

Come si possono utilizzare queste Potenzialità

Le Potenzialità associate alla Virtù della “Temperanza” possono essere utilizzate allorché l’Obiettivo da raggiungere richiede “predisposizione di regole di comportamento”, “capacità di riconoscere e valutare rischi e difficoltà”, “approfondimento”, “capacità di riconoscere i propri limiti”, od altre capacità similari da parte del Coachee.

Per questi motivi, se vuoi individuare anche tu le tue Potenzialità più sviluppate (da me ribattezzate “Staminalità”), puoi utilizzare il Test DP sulle Potenzialità, facendone opportuna richiesta tramite Modulo di Contatto del Sito.

Lascia un commento